Il concetto

Risultati immagini per .gif animate coloratissimeNel libro  ” IL MONDO COME VOLONTA’ E RAPPRESENTAZIONE ”  SCHOPENHAUER , SVILUPPA DIVERSI ARGOMENTI , NELLA PIU’ TOTALE ANALISI E OSSERVAZIONE , COME SOLO UN  GENIO ASSOLUTO COME LUI , A MAI POTUTO FARLO . Uno di questi è il CONCETTO . Ho scelto di parlare di questo argomento , perchè spesso tutti noi lo nominiamo tutti i giorni , nelle nostre più svariate attività , proprio perché ESSO DI PER SE’ RACCHIUDE UN INSIEME DI IDEE , E CHE ENUNCIARGLI DIVENTA LUNGA , COSI PER  RISPARMIO ENERGETICO , RISPARMIO DI MEMORIA , IL NOSTRO CERVELLO CI DA LA POSSIBILITA’ DI ESSERE SINTETICI . PER ESEMPIO SE NOI PARLIAMO DI  ” BULLISMO ” , CON LA PAROLA BULLISMO , IL NOSTRO CERVELLO VA A RACCOGLIERE TUTTI QUEI INDIZI PRINCIPALI , CHE CARATTERIZZANO TALE  FENOMENO ,  E NON C’E’ BISOGNO DI RACCONTARE TUTTA LA STORIA .

I concetti formano una classe speciale e diversa toto genere dalle rappresentazioni intuitive . Essi si lasciano solo pensare , ma non intuire e soltanto gli effetti che l’uomo causa mediante loro , sono oggetti dell’esperienza vera e propria . Tali sono il linguaggio , il comportamento ponderato e regolato . Quando noi facciamo un discorso , che è un insieme di simboli , la nostra mente ha la capacità in tempo reale di decifrarlo e questo consente il senso del discorso . LA RAGIONE PARLA ALLA RAGIONE . , CHE SI MANTIENE NEL SUO TERRENO E CIO’ CHE ESSA COMUNICA E  RICEVE  SONO CONCETTI ASTRATTI . PENSATECI UN PO , LA PAROLA ” SEDIA ” , LA SUA FORMA SEMANTICA , SINTATTICA , MORFOLOGICA E FONOLOGICA NON HA NIENTE A CHE VEDERE CON L’UTILIZZO VERO DELL’OGGETTO .

I CONCETTI SONO ASTRATTI , LE RAPPRESENTAZIONI SONO INTUITIVE , MA ESSI SONO IN NECESSARIA RELAZIONE , SENZA LE QUALI ESSI SAREBBERO’ NULLA ; E TALE RELAZIONE FORMA DI CONSEGUENZA LA LORO INTERA ESSENZA ED ESISTENZA . IN QUEST’OTTICA I CONCETTI DEVONO ESSERE OPPORTUNAMENTE CHIAMATI rappresentazione di rappresentazione . Ogni concetto ha una sfera che include un’altra sfera di altri concetti ; quando essi sono realmente concetti diversi , ogni uno di essi , o almeno uno dei due contiene qualcosa che l’altro non ha . in questa relazione sta ogni soggetto con il suoi predicato . Riconoscere questo rapporto significa GIUDICARE .

 

Molti menti conoscono il mondo solo intuitivamente e quello che loro cercheranno è la rappresentazione intuitiva nello spazio della causa e dell’effetto dell’essere : a loro non interessa la dimostrazione euclidea . Altri menti invece esigono soltanto concetti astratti da usare per l’applicazione e la comunicazione : questi menti cercano la certezza .

Il massimo pregio del sapere , della conoscenza astratta , consiste nella comunicabilità e nella possibilità di essere conservati stabilmente . Tutte due modalità di conoscere il mondo delle cose è giusto , intuitivo e astratto , la differenza la fa soltanto la loro applicabilità . L’intuizione ha dato la possibilità al mondo di evolversi , la razionalità e astrazione ha dato la possibilità di formare concetti , basi su cui poggiare la conoscenza , la ragione , dunque l’intelligenza  pura . Nell’intuizione noi conosciamo perfettamente la natura e la regolarità di una parabola , di una spirale ; ma per essere applicata con certezza alla realtà , tale conoscenza non basta , ha dovuto trasformarsi in astratto , perdendo con ciò l’evidenza , ma guadagnando in compenso la certezza e la precisione del sapere astratto .

Fermiamoci ancora un po sul argomento : l’uomo selvaggio e incolto , assai poco abituato a pensare , fanno molti attività fisica , lottano con le bestie , colpiscono con frecce con una precisione e velocità impressionante ; che il riflessivo uomo europeo non raggiungerà mai , perché la sua riflessione lo fa esitare e temporeggiare , trovando essi ad esempio il luogo giusto , il momento giusto . Come vedete non esiste , uno meglio dell’altro , ma esiste l’unione di queste due mondi paralleli che hanno bisogno una della conoscenza dell’altra .-

L’intelligenza si legge nella fronte delle persone e negli occhi , l’eticità e le manifestazioni della volontà , nella bocca e nella metà inferiore del viso . La fronte e gli occhi si spiegano reciprocamente , poiché ogni una delle due parti , considerata senza l’altra , si capisce solo a metà . Si può dedurre l’intelligenza quando il viso è brutto , , e da lineamenti inespressivi la stupidità .

GRAZIE .

  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...