VIGILIA DI NATALE

628136607902Se qualcuno si trovasse adesso in Romania , si troverebbe all’interno di un silenzio e tranquillità , quasi primordiale . La tradizione vuole , che il 24 dicembre sia un giorno in cui le donne cucinano i ultimi piatti natalizi : involtini di verza in salamoia con carne , ( la salamoia lascia un profumo meraviglioso , poi cotte sulla piastra del forno a legna e  qualcosa  di stupendo , ho l’acquolina in bocca !  ” adesso vado a cuocere ” sarmale ”   ” , quest’anno le ho fatto 😍😍😍😍😍 anche io ” : Siete invitati !!!!!!!, poi  il brado di carne con costine di maiale , il ” cozonac ” ( panettone fatto in casa ) . In somma lá fuori , le donne si scontrano a profumi culinari . Le vie sono inondate di questi profumi , i bambini giocano intorno al albero , stanno in casa e si godono l’atmosfera magica del  Natale .

Dal 20 di dicembre , inizia tutto il viaggio culinario . Il 20 di dicembre si sacrifica il maiale , al mattino prestissimo ( invito i vegetariani e animalisti , non leggere ) , perché verso le nove , quando i bambini si svegliano , ancor una volta la tradizione vuole che essi , cavalchino il maiale . Dal 20 di dicembre fino alla fine del 24 giorno , si cucina tutto un cibo  , proveniente dall’animale : si fa le salsicce in casa , la galantina , altri antipasti che non saprei nominarli  e tutta la carne si distribuisce in pacchettini piccoli per poi essere utilizzata in futuro .

La Romania festeggia il Natale con le proprie famiglie , il giorno dopo , si festeggia con  i padrini e testimoni di nozze , il terzo giorno ,  Santo Stefano di nuovo con la famiglia . Non c’ e nessuna corsa ai regali , sennò la voglia di stare insieme e condividere il cibo come momento di condivisione  e affetto .

La sera del 24 dicembre, cioè oggi , le case lasciano  le porte aperte perché arrivano i bambini , con canti di buon augurio di Buon Natale e ricevono in dono qualche soldino , di cui ne vanno fierissimi . Si fanno i gruppetti da 3/4 bambini e poi ” colindano ” le case del vicinato .

Arrivato il 25 dicembre , il Santo Natale i bambini sono entusiasti dell’arrivi di Babbo Natale , aprono regali e anche se ricevono solo ” dolci ” perché di più non c’è stato possibile sono ugualmente contenti . In somma il bambino , riceve quello che la vita si è impegnato tanto a dargli , e qua lasciamo perdere . . . . . . . .  La mattina inizia con la mesa in chiesa , altre persone della famiglia preparano dei piatti è un bicchiere di vino , che porta come offerta nel vicinato oppure ai poveri ,  cibo per ” i propri morti ” , affinché anche essi oggi , festeggiano da lontano . Quest’anno è il primo anno , in cui mio nonno non c’ è più , non so domani come farò a non sentirle la voce ” tanti auguri principessa mi diceva ” . ti amo ❤️ nonno . Sono 13 anni che sono lontani da loro , ma la loro voce mi addolciva tutto .

Buona Vigilia a tutti , cercate ve ne prego , di dare qualcosa ai poveri !

Un abbraccio a tutti !

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...