Canna-gate

Risultati immagini per Eva hengher

Risultati immagini per Foto di l'isola dei famosi

Sono ormai tante settimane che il reality show L’isola dei Famosi, chiamata carinamente da Striscia la Notizia ” L’isola dei fumogeni ” ha fatto scoppiare il  caso della ” marijuana ” fumata dal presunto  Francesco Monte in Honduras, prima dell’inizio della trasmissione in diretta.  Il casino venuto fuori sta prendendo proporzioni sempre più articolate, in quanto l’accusato, Francesco Monte  nega l’avvenuto e l’accusatrice, Eva Hengher  da una parte viene chiamata bugiarda dall’altra parte, trasmissioni come quella satirica,  Striscia la Notizia e i talk di Barbara D’Urso trasmettono in onda quasi tutte le sere, intercettazioni, filmati inediti che la produzione Dell’Isola dei Famosi tengono nascosti per non infangare il nome della produzione stessa, ma far affondare Eva Hengher e farla passare come bugiarda. Non ho nessuna intenzione di parlare di queste mosse politiche da entrambe le parte, ma  osservo come interi pomeriggi,  inclusa la domenica pomeriggio, programmi condotte da Barbara D’Urso parlino sfacciatamente della questione, non curandosi della fascia oraria, del target telespettatore che in quel momento guarda la televisione, solo per ascolti.

Il problema non è il gossip, ma consumare droga. Il messaggio che viene fuori  è poco educativo, anzi in una società in cui la droga è di  facile consumo, si dovrebbe affrontare tale argomento con tanta serietà e non con opinionisti di poco valore, ma con professionisti, educatori, testimonianze di giovani che sono riusciti ad uscire fuori da questo tunnel con molta difficoltà,  genitori che hanno aiutato  i propri figli a superare il problema e il danno morale che affiggono adesso e per sempre entrambe le parti.

La droga è una malattia gratuita, che viene proposta ai giovani per poco costo all’inizio, per poi trasformarsi in una vera dipendenza in poco tempo.  La poca maturità e l’esuberanza collegata a questa giovane età con  la sensazione di sentirti onnipotente per un paio d’ore, derivato dall’assunzione della droga, rovina la vita a migliaia di ragazzi, adulti in difficoltà.

Io invito caldamente che una questione cosi importante, si svolga nelle sedi opportune che in questo caso è il tribunale, alla televisione deve rimanere quell’aspetto democratico, svagante, goliardico di proporre programmi in grado di riempire i nuovi spazzi, che la società se la creata da sola, e non adempire a ruoli educativi, che toccano esclusivamente alla famiglia e alle agenzie formative.  Capisco che i media, come i social network siano oramai da tempo monitorizzate dalle stesse agenzie  formative, perché la televisione promuove miti, prodotti di consumo, come la pubblicità per esempio, ma in questo caso stiamo parlando di consumo di marijuana. E il problema non è scagionare Eva Hengher,  ma condannare il fatto con delicatezza, fermezza. Questo caso è cosi seguito perché si è creato un vortice di mistero intorno a esso e il fascino della curiosità coinvolge molti.  Non possiamo portare la macchina della verità e sottoporre Eva Hengher al test della verità o meno, perché questo dispositivo  dovrebbe essere applicato a veri criminali, pur essendo  lo spaccio di droga un atto criminale. Mi ci chiedo, se tanta attenzione mediatica si potesse offrire  a donne che accusano casi di stalking, abusi, violenza con tanto di nomi e foto e magari, molti omicidi si potrebbero anche essere fermati prima.

http://www.video.mediaset.it/video/striscialanotizia/servizio/canna-gate-eva-henger-e-la-macchina-della-verita_812148.html

Grazie.

Liliana.

Annunci

Un pensiero riguardo “Canna-gate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...