Regali nell’epoca della Tecnologia

Faccio il compleanno caro, cosa mi regali di bello?

Sono finiti i tempi in cui la caccia al regalo rapresentava una vera ricerca della felicità: gioiellerie, boutique, oggettistica, agenzie di viaggio  erano i posti più gettonati. C’era un aspettativa piacevole e personalizzata che racchiudeva piacevolmente la fine di un anno trascorso e l’inizio dell’altro. I regali in quanto oggetto di festa ma anche di ostentata esibizione, delineavano i confini di una cultura e ritualità. Queste due caratteristiche potevano essere consumate in ogni famiglia dove alloggiava il rispetto e l’amore. Infatti, il regalo che diventa ricordo non doveva essere particolarmente caro, ma significativo e carico di sentimento. Questo mistico sapore donava splendore al più banale oggetto, c’era di mezzo il pensiero e a volte anche il sacrificio.

Oggi nell’era delle rete e dei social, la personalizzazione e la ricerca non sono più virtù da seguire, ma perché mancano propio le virtù. La creatività, lo stupore, lo scervellarsi per stupire ancora la dolce metà si sono sostituite con il semplice acquisto di oggetti tecnologici che pare crei anche vera felicità. Una tristezza immensa! Passare da Vodafone oppure Tim crea felicità. Ma ciò che mi stupisce in modo negativo è il successivo passo dopo aver spacchettato il regalo, il tempo trascorso con il naso all’ingiù per configurare l’apparecchio. C’è gente che il giorno di Natale invece di godersi la festa, rimane come cretini fare queste cose. Ma dove andiamo a finire? Dove poniamo confini tra l’effimero e l’afferar l’attimo di pace e tranquillità che dona ricordo alla nostra vita? Cosa insegnamo ai nostri figli? Cosa lasciamo loro in eredità?

Tutte le sfumature della vita vengono toccate e ritoccate dal consumismo e spersonalizzazione della società  senza precedenti.  Ci troviamo al bivio di un periodo storico finito e consumato in ogni sua forma, ossia l’industrialismo e l’avvento di nuovi orizzonti di cui neppure i più affermati studiosi non riescono definire le linea guida. Altri studiosi più pessimistici affermano che la Terra come ogni altra cosa si stia indirizzando verso la fine della sua esistenza, pur parlando in termini temporali lunghi rispetto al nostro passaggio.

In termini di malvagità e bruttezza l’umanità ha sempre posato radici sul sangue Dell’altro. Ma la società ” talpa” di oggi è alla ricerca di una nuova identità, perché senza di essa non si riescono delineare  politiche sostenibile alla sua sostenibilità, non c’è un nemico esterno che la induce costruire barrire di difesa ma il nemico è intrinseco nella quotidianità, nelle abitudini più semplici. La sottilezza di questi repentini cambiamenti non ha trovato l’uomo preparato e quindi non ha porti sicuri cui traccheggiare. Vivere la sindrome ” succede tutto alla mia insaputa ” quando ad allimentare questo stile di vita è lui stesso,  non li è più concesso. La leggerezza ha imposto  la depressione, pigrizia patologica, sedentearieta, impotenza di essere agente di cambiamento   della propria vita perché, tutto si declina all’interno di un Io individuale e egoistico.

Dobbiamo soffermarci e riflettere, se nell’era della rete e le infinite possibilità che essa ci propone,  non possiamo proporre dal basso verso l’alto, cambiamenti necessari    e urgenti al nostro sfrenato modo di vivere. Siamo ancora l’uomo sapiens? Vogliamo diventare l’attore principale della nostra esistenza? La risposta  sta  in ogni uno di noi, basta però dare continuamente colpa agli altri. Questa abitudine appresa non fa che indebolire la nostra azione,  come parte attiva al processo di umanizzazione, di cui tutti ne siamo parte integrante.

Manea Liliana.

grazie.

Annunci

2 pensieri riguardo “Regali nell’epoca della Tecnologia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...