Mercato del lavoro

Il mondo del lavoro è un problema fondamentale della società odierna. Lavoro è sinonimo di dignità / futuro / serenità / investimento / progetto. La crisi finanziaria mondiale del 2008, che raggiunge ancora in maniera imponente il nostro vivere quotidiano, delinea uno stato di allerta e malessere  a più livelli esistenziali. La depressione, la sfiducia, la perdità  effettiva di scommettere in un progetto famigliare ( manufactury risck ), generation rent ( generazione in affitto ), l’alto profilo professionale sono gli effetti concreti del mondo del lavoro.

Parlamenti, governi, L’Europa, Grandi Potenze mondiali, grandi potenze finanziarie provano a trovare la ricetta perfetta, di soddisfare l’emergenza in questo settore sensibile per tutto il mondo. Una società industrializzata / tecnologizzata / globalizzata che si trova in un continuo terreno di trasformazione, ha bisogno di trovare modelli di vita stabili, per poter affondare fiducia e stabilità nel cittadino. Si parte dal mondo del lavoro! Esso non rappresenta solo un impiego giornaliero, ma quest’ultimo sostiene l’altra parte fondamentale della nostra vita, ossia la vita sociale . Per vita sociale si intende: relazioni / progetti / sostentamento finanziario / cura / salute / studio / formazione / sussidio.

Troppo facile il detto ” i soldi non portano la felicità ” !

Abbiamo bisogno di essere riconosciuti come persone dotate di competenze e capacità professionali, per poter dare slancio alla propria esistenza.

Trovare lavoro non è facile, anzi si dimostra una ricerca faticosa e molto deprimente. La politica non aiuta, la burocrazia nemmeno. I contorni sfumati e i diversi attori che sempre più, si impongono nella ricerca attiva del lavoro, hanno fatto si che la ricerca diventi inattiva. Nessuna azienda riceve più i colloqui diretti, ma si affidano a agenzie esterne, che nemmeno loro hanno contatto con il presunto lavoratore, ma fanno riferimento alla squallida rubrica ” Lavora con noi. “, che non è aperta nel momento in cui l’azienda assume. Questo sgnifica che tutti i CV finiscono nello spam, migliaia di speranze finiscono nel nulla. Il nulla non è concetto astratto in questo caso, ma  colpisce duramente lo stato emotivo delle persone, e congela l’aspettativa di vita delle persone.

Chi è fautore di queste dinamiche reali del mondo del lavoro?

Chi è fautore dello sfruttamento del lavoro?

La politica, l’amministrazione come affrontano il problema?

Chi sono i datori di lavoro oggi? Qual’è l’identità del lavoratore?

Tutte domande lecite, ma che nessuno non da una risposta concreta e chiara. La politica risponde con populismo / propaganda razzista / promesse, eppure spetta a lei il compito di rispondere ai suoi cittadino.

Le voci di corridoio invitano le persone a inventarsi il lavoro, ad accettare quello che si offre e imboccarsi le maniche per lavorare. Bene gente, non stiamo in tutte le categorie, ma il  telefono non squilla lo stesso. Allora?

Allora, silenzio totale da parte delle istituzioni che invece di aiutare, ti invitano cortesemente a farti il curriculum, la lettera di presentazione e poi . . . . Nulla, nulla.

Il modo per ripartire è quelle di poter avere delle politiche che incentivano le aziende  ad assumere; fare lotta al nipotismo; premiare la meritocrazia; formare bene il personale delle risorse umane e infondere fiducia nel cittadino. Le politiche sociali, che lo stato si impegna ridurre al osso, è propio il settore che va aiutato e sostenuto. Esso ha il ruolo di intercettare il bisogno effettivo delle persone, sotenere e accogliere le persone, nella loro fragilità e debolezza.

Auguri a tutti coloro che sono in cerca di dignità!

Grazie.

,Manea Liliana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...