C’è una psicologia da osservare in colui che festeggia con botti da “guerra ” ?

Questa domanda me la sono messa nella notte di capodanno, passato in montagna a Bardonecchia. Un amica, il 31 dicembre a Bardonecchia, la definito ” il Bagdad “.

Capisco che la mia interpretazione possa risultare populista, ma mi chiedo, se i soldoni spesi per i botti finissero per la beneficenza, ci sarebbe lo stesso interesse e generosità!!??? Non voglio aggrapparmi all’arroganza e giudizio nel dichiarare, una risposta negativa. Vorrei mettermi nei panni di chi pensa a questa “necessaria ” spesa, e forse capirne l’utilità. . . E funziolità . .

Fa parte del comportamento di un cittadino non più pellegrino, ma randaggio. . . Senza metta e gusto di assaporare la festa, come gesto di affetto e unione, ma uniformizzare ogni sua azione come socialmente accettate, ma non mediate dal pensiero.

Molti comuni hanno aderito alla non adesione di festeggiamenti con i botti, per il benessere degli animali!!! Ah sì, perché bambini, anziani, malati accolgono certi ” botti ” con il sorriso. Io ho dovuto tenere i timpani coperti di mia figlia per più di un ora, perché non si poteva vivere.

Un abbraccio a tutti, senza botti però. . .ma con il sorriso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...